Il paradiso all’improvviso: le perhentian islands

Se avete in programma una vacanza nel sud est asiatico in pieno agosto e, come noi, volete concedervi qualche giorno di puro relax su un’isola paradisiaca, potete scegliere le Perhentian Islands.

Queste meravigliose isole , a differenza della maggior parte delle isole asiatiche che sono fortemente sconsigliate durante la nostra estate, sono ottime a livello climatico.

Dopo aver passato qualche giorno tra Singapore e Kuala Lumpur, prendiamo un volo interno diretto a Kota Bharu.

Come compagnia aerea decidiamo di affidarci ad Air Asia (una delle migliori compagnie aeree low cost asiatiche). Noi ci siamo trovati molto bene,aerei puliti, volo puntuale e personale di bordo molto gentile.

Il volo dura davvero poco, 1 ora e siamo giunti a destinazione. L’aeroporto di Kota Bharu è piccolino, prendiamo dunque i nostri bagagli e ci dirigiamo verso il nostro pulmino che ci porterà al molo di Besut dove partono tutte le barche dirette alle isole.

Il tragitto è di circa 1 ora e 15 minuti,noi abbiamo organizzato il trasferimento direttamente con l’hotel che si è occupato di riservarci sia il pulmino che la barca veloce per raggiungere l’isola. Una volta giunti a Besut prendiamo la barca veloce che ci porterà finalmente a destinazione. Il tragitto è di circa 45 minuti. La barca non è delle migliori e viene riempita al massimo (circa 20 persone più tutti i relativi bagagli) . Dopo 45 lunghi minuti di navigazione finalmente arriviamo in paradiso… e vi assicuro che lo è davvero =)

Arrivo al P.I.R.

Noi abbiamo deciso di soggiornare presso il P.I.R. nella parte di Pulau Besar.

Il nostro hotel è uno dei migliori dell’isola se così si può dire. Dovete considerare che in queste zone gli standard degli hotel sono davvero bassi. La cosa migliore di questo resort è senza ombra di dubbio la posizione. Una delle spiagge più belle si torva proprio qui. Il mare è davvero stupendo, colori bellissimi, spiaggia bianca e un fondale meraviglioso.

La nostra camera era un bungalow immerso nella giungla. La stanza era davvero essenziale ma già eravamo preparati a questo. Quello a cui non ero preparata era la possibilità che qualche insetto (per la precisione UN RAGNO gigante) potesse entrare nel cuore della notte… e così è stato! Io che ho la fobia dei ragni sono quasi morta per lo spavento ma a ripensarci, direi che è normale vista la vicinanza alla giungla! Nel complesso il resort è davvero carino. La mattina possiamo fare colazione a due passi dal mare e siamo circondati da scimmiette carine che si aggirano per tutta la struttura.

Scimmie del resort

Noi non abbiamo mai cenato nel nostro hotel perché abbiamo sempre preferito mangiare al The Barat, un ristorante super carino e molto economico poco distante dal nostro alloggio. L’isola è piccolissima e ci si arriva facendo una camminata di 10 minuti sulla spiaggia. Questo ristornate offre davvero tantissimi piatti di ogni tipo. Il piatto forte è senza dubbio il pesce fresco alla griglia ma noi abbiamo provato praticamente tutto il menu =)

Di giorno è possibile visitare le altre isolette vicine utilizzando i taxi boat (ragazzi del posto che con una piccola barchetta ti portano dove vuoi a prezzi davvero bassi).

Una delle spiagge più belle dell’isola è Turtle beach .. il paradiso in terra! L’acqua è limpidissima e la spiaggia bianchissima sembra quasi finta !

Turtle Beach

Un’altra spiaggia che mi è piaciuta tanto è stata Romantic beach.. qui però abbiamo avuto qualche problemino con qualche insetto presente nell’acqua che ti faceva pizzicare tutta la pelle. La spiaggia però era davvero stupenda!

Romantic Beach

Infine ho trovato davvero splendida la spiaggia del PIR (il nostro resort). Qui abbiamo avuto la possibilità di fare tantissimo snorkeling in quanto il fondale è pieno zeppo di pesci di ogni tipo! A due passi dalla riva abbiamo potuto trovare più volte anche dei piccoli e innocui squaletti che si aggiravano tra i fondali. Poter nuotare a così stretto contatto con pesci di ogni tipo è davvero un’emozione unica.

Su quest’isola abbiamo assistito anche a dei tramonti pazzeschi. Tra i più belli della nostra vita. Un cielo così rosso penso di non averlo mi visto prima d’ora.

tramonti

Insomma, se state cercando un vero e proprio paradiso.. Queste isole sono davvero quello che fa per voi. Io me ne sono innamorata e spero proprio di poterci tornare al più presto possibile.

Annunci

Kuala Lumpur, tra antico e moderno

Kuala Lumpur è una città che definirei curiosa.
E’ un insieme di culture e tradizioni diverse che convivono nella stesso paese.
Decidiamo di visitare KL subito dopo aver visto Singapore e qui il paragone è inevitabile.
Due città totalmente diverse tra di loro seppur in qualche modo simili.
Kuala Lumpur è una città che non a tutti piace, non tutti riescono a capirla e saperla apprezzare fino in fondo.
A noi invece è piaciuta molto.

Una delle cose che caratterizza molto questa città è il continuo contrasto tra antico e moderno, tra ricchezza e povertà, tra pulito e sporco. La zona principale di Kuala Lumpur è il quartiere delle Ptronas Towers: le torri e il vicino centro commerciale Pavilion rendono questa parte della città decisamente moderna. Le Petronas meritano senz’altro una visita sia dall’esterno (che consiglio di vedere soprattutto la sera) , sia l’interno con una visita guidata che potrete prenotare direttamente sul loro sito ufficiale.

Affianco alle Petronas potrete trovare un enorme centro commerciale, il Pavilion, dove noi venivamo la sera per cenare nella sua food court.

La Malesia non è l’Europa e, soprattutto per quanto riguarda il cibo, spesso e volentieri bisogna chiudere entrambi gli occhi e quindi, e proprio per questo motivo ,abbiamo deciso di cenare sempre qui. Se siete più coraggiosi potete comunque mangiare allo street food o nella zona di China Town. Proprio qui a China Town potete trovare macellai che affettano la carne direttamente a bordo strada.

KL è una città abbastanza sicura. Noi ci siamo spostati sempre usando Grab, l’Uber asiatico.

E’ stato proprio il personale del nostro hotel a consigliarci di scaricare l’applicazione sul cellulare e usare loro per i vari spostamenti! Devo dire che ci siamo trovati benissimo e abbiamo sempre speso poco! D’altronde la Malesia è un paese molto economico .

Una delle zone più interessanti di KL è senz’altro la zona delle Batu Caves. Noi siamo arrivati qui usando appunto Grab. Purtroppo durante la nostra visita stavano facendo diversi lavori e quindi molte statue erano in fase di ristrutturazione =(

Batu Caves

Visitare le Batu Caves è gratuito, appena arriverete la prima cosa che noterete sarà un numero esagerato di piccioni e di scimmie! Prestate molta attenzione a quest’ultime perché potrebbero cercare di attaccarvi in cambio di cibo!

Una nota di merito va al Thean Hou Temple ovvero uno dei maggiori templi cinesi di KL. Anche questa volta decidiamo di affidarci a Grab per raggiungere questa zona. Appena arriviamo sembra di essere finiti in un fumetto giapponese. Il tempio è grande e, togliendo le scarpe, possiamo accedere anche al suo interno. Era la prima volta che mi capitava di vedere un tempio cinese e devo dire che mi ha emozionato molto.

Thean Hou Temple

Un altro posto che mi sento di consigliavi è l’Atmosphere 360. Prima di partire per il nostro viaggio abbiamo prenotato una cena in questo super ristorante a 300 metri d’altezza .Per poter cenare qui è necessaria la prenotazione e un abbigliamento adeguato. La sua particolarità è senz’altro la vista: potrete cenare in questo suggestivo ristornate girevole. In questo modo, stando comodamente seduti, avrete una vista di 360 gradi sulla città. Il posto è molto curato mentre il cibo (a buffet) non è niente di che.

Atmosphere 360
Buffet

Una volta terminata la cena, potrete salire sul Menara per vedere meglio lo skyline.

Skyline

Durante la nostra permanenza a KL abbiamo dormito all’holiday INN express, una struttura piacevole che mi sento di consigliarvi (prenotata tramite Booking). Le stanze erano abbastanza spaziose e pulite. L’hotel si trova a soli 800 metri dalle Ptronas raggiungibili tranquillamente a piedi usando la comodissima Bukit Bintang Pedestrian Walkway . Quest’ultimo è un ponte sopraelevato che permette di raggiungere le Petronas Towers, il centro commerciale Pavilion , il centro congressi KLCC e diversi hotel della zona evitando il traffico di KL. A tratti c’è anche l’aria condizionata e per noi è stato super comodo.

KL è abbastanza piccola, quindi se avete intenzione di visitare solo la città, vi basteranno solo 2/3 giorni.

Dopo aver assaporato questa città il nostro viaggio nel sud est asiatico continua alla volta di un paradiso terrestre…